092 Lago di Cima d'Asta
Lago di Cima d'Asta

Meteo Cima d'Asta

 

www.meteotrentino.it

ITINERARIO 092

 

Giro al lago di Cima d'Asta

 

 

LAGO DI CIMA D'ASTA 2452 m.

46°10'19.56"N - 11°36'18.74"E

Catasto N° 286

 

Localizzazione : Val Sorgazza - Plesso di Cima d'Asta - Massiccio Centrale

Bacino Idrografico : Torrente Grigno - Brenta

 

 

Lunghezza : 400 m.

 

Larghezza : 290 m.

 

Profondità : 22 m.

 

 

Natura Geologica : Granito

Origine : Circo

 

Itinerario

 

 

 

Nome : Lago di Cima d'Asta

Quota altimetrica : Bassa 1440 m. - Alta 2452 m.

Lunghezza : 13 km.

Dislivello : Salita 1010 m. - Discesa 1010 m.

Partenza e arrivo : Parcheggio malga Sorgazza

Sentieri : Sentiero n°327 - Strada sterrata

Difficoltà : EE

Tempo in movimento : 4.06 h

Tempo totale : 8.43 h

Periodo : 29/01/2017

 

MAPPE

Mappa stradale lago di Cima d'Asta
Intinerario lago cima d'Asta
Lago di cima d'Asta satellite
Lago di cima d'Asta

COME ARRIVARE

 

Da Trento si prende la tangenziale in direzione nord per poi seguire le indicazioni per Padova sulla strada statale 47 della Valsugana, giunti a Borgo si esce dalle gallerie e dopo un paio di chilometri si esce a destra seguendo le indicazioni per il Tesino fino ad arrivare a Pieve Tesino da dove prendiamo le indicazioni sulla sinistra per la val Malene e poi sempre avanti per la malga Sorgazza dove arrivati parcheggiamo la nostra auto da qui parte il nostro intinerario.

 

FOTO

 

 

Veduta della cima d'Astra
Veduta della catena del Lagorai
Veduta del rifugio Brentari
Veduta del lago Cima d'Asta
Veduta del lago verso passo Socede
Veduta verso cima Passetto
Veduta del Corno Passetto e di Cima Passetto

SLIDE

 

Descrizione

 

Dal parcheggio sotto la malga di Sorgazza prendiamo la strada sterrata che passa vicino al laghetto artificiale di Sorgazza e la seguiamo passando davanti al cimitero di guerra e poi sempre avanti fino ad arrivare alla partenza della teleferica che porta al rifugio Brentari. Da qui si prende il sentiero 327 sulla destra che incomincia a restringersi e a salire di pendenza e entriamo nel Bualon di cima d'Asta una vallata molto selvaggia proprio sotto i lago e il rifugio. Da qui il sentiero incomincia a salire ripido e a zig zag e passiamo sotto la Cresta di Socede fino ad arrivare ad un bivio da dove possiamo segliere due opzioni, noi prendiamo il sentiero 327B che è più corto ma più ripido e impegnativo e salendo passando un tratto roccioso arriviamo sotto il rifugio da dove giriamo a sinistra su per un canalone fino ad arrivare al lago di Cima d'Asta, sulla destra si continua se si vuole andare al rifugio Brentari. Per la discesa si scende giù fino ad arrivare al bivio dove noi non scendiamo per la variante 327B ma seguiamo il sentiero 327 per malga Sorgazza o Trodo dei Aseni, scendiamo lungo un sentiero non impegnativo e ci ricongiungiamo al bivio 327B da dove scendiamo giù a ritroso fino ad arrivare al parcheggio dove troviamo la nostra auto.

 

DETTAGLI

 

 

 

Mappa dettagliata e zoom dinamico https://www.komoot.de/tour/7509705/zoom

 

Altimetria Mappa 3D

Altimetria lago cima d'Asta

 

VIDEO

 

VIDEO 3D

Clicca per vedere rotazioe in 3D
Lago di cima d'Asta 3D

 

FILE GPX

Per scaricare il file gpx del lago di cima d'Asta cliccare su scarica

Punti di appoggio

 

Lungo il nostro intinerario troviamo subito alla partenza la malga Sorgazza dove si può assaggiare piatti tipici di Montagna e dove riposare dopo una lunga camminata, al lago di cima d'Asta troviamo il rifugio Brentari, qui oltre al bellissimo panorama ci possiamo gustare piatti tipici Trentini e riposarci prima di scendere a valle e se si vuole anche dormire a voi la scelta.

 

 

Malga Sorgazza

 

Rifugio Ottone Brentari

 

 

 

Difficoltà

 

L'intinerario è impegnativo sia per la lunghezza del sentiero che per il dislivello, se si prende la variante 327b si raccomanda fare attenzione a certi passaggi su roccia, questo sentiero lo si consiglia per la salita, per la discesa è consigliabile il 327 un pò più lungo ma meno impegnativo.

 

 

Attrezzatura

 

Scarponi,zaino, borraccia,giacca antipioggia, occhiali da sole, piccola dispensa alimentare e un piccolo prontosoccorso, ricordarsi di avere in macchina un cambio abbigliamento, in montagna il tempo può cambiare all'improvviso.

Durata e difficoltà intinerari sono approssimativi in base alle proprie capacità fisiche

Dati scentifici raccolti da riviste e libri e dalla rete internet.