100 Laghestel
Biotopo di Laghestel di Pinè

ITINERARIO 100

 

Giro al biotopo di Laghestel di Pinè

 

 

LAGHESTEL 899 m.

46°06'53.01"N - 11°13'31.69"E

Catasto N° 251

 

Localizzazione : Miola - Lacalità Ferrari - Costalta

Bacino Idrografico : Anonimo - Rio Sila - Torrente Fersina

 

 

 

Lunghezza : 120 m.

 

Larghezza : 90 m.

 

Profondità : 2.5 m.

 

 

 

Natura Geologica : Alluvioni antiche, morene

Origine : Intermorenico

 

Itinerario

 

 

 

Nome : Giro al biotopo di Laghestel di Pinè

Quota altimetrica : Bassa 900 m. - Alta 940 m.

Lunghezza : 4.2 km.

Dislivello : Salita 40 m. - Discesa 40 m.

Partenza e arrivo : Località Ferrari

Sentieri : Percorso didattico del Biotopo

Difficoltà : T - Turistico

Tempo in movimento : 0.51 h

Tempo totale : 1.31 h

Periodo : 25/04/2017

 

MAPPE

Mappa stradale Biotopo di Laghestel
Itinerario Biotopo di Laghestel di Pinè
Biotopo Lagostel satellitare
Biotopo di Lagostel topografico

COME ARRIVARE

 

Da Trento prendiamo la strada statale 47 della Valsugana e passate le gallerie di Martignano arriviamo alla località Mochena dove qui seguiamo sulla nostra destra le indicazioni per Altipiano di Pinè e percorriamo la strada passando per Madrano e Nogarè, fino ad arrivare alla località Tressilla e arrivati alla rotonda giriamo a destra e seguiamo l'indicazione per Montagnaga, passiamo la località Vigo e subito dopo sulla destra prendiamo una stradina che porta alla località Ferrari, poco dopo sulla sinistra difronte ad una casa parcheggiamo la nostra auto e da qui parte il nostro intinerario al Biotopo di Laghestel di Pinè.

 

FOTO

 

 

Inizio del sentiero per il Biotopo
Tabella informativa Biotopo di Laghestel
Veduta del Biotopo Laghestel
Veduta del Lago di Laghestel
Veduta del Lago di Lagostel
Veduta del lago con la sua fauna
Veduta del bosco nel Biotopo di Laghestel

SLIDE

 

Descrizione

 

Dopo aver parcheggiato la noistra auto prendiamo la strada sterrata che entra nel bosco e subito dopo sulla destra troveremo delle serre per le fragole, questo percorso ad anello si svolge in gran parte all'interno della zona umida protetta del Laghestel,da qui seguiamo le indicazioni della freccia gialla in senso antiorario fino ad arrivare ad un bivio e noi teniamo la destra e proseguiamo fino ad arrivare ad una torretta di avvistamento dove possiamo vedere dall'alto il nostro lago, circondato da cannetti, se si vuole si può entrare tra i cannetti per arrivare sulla sponda del lago, fare attenzione perchè il terreno è impregnato di acqua e non è stabile e si può sprofondare. Il Laghestel è uno dei 68 biotopi trentini di maggior interesse; in tempi lontani la conca del Laghestel era occupata da un grande lago profondo 20 metri che, subendo il naturale processo di impaludamento, ha dato vita alla formazione di una torbiera. Dal 1600 si cercò di bonificare la zona umida con uno scavo di fossi di drenaggio che accelerarono la riduzione della superficie lacustre. Ora il lago occupa la parte più depressa della conca con superficie di 6.000 metri quadrati, diametro di 90 metri e profondità massima di 2,5 metri. Dalla torretta si prosegue seguendo sempre la freccia gialla e sempre nel bosco si segue la stradina che ci porteraà a passare un piccolo corso d'acqua e poi arriviamo di nuovo al bivio che avevamo incontrato all'inizio e da qui tenendo la nostra destra seguiamo la stradina a ritroso fino ad arrivare alla nostra auto.

DETTAGLI

 

 

 

Mappa dettagliata e zoom dinamico https://www.komoot.com/tour/15889013

 

Altimetria Mappa 3D

Altimetria biotopo di Laghestel

 

VIDEO

VIDEO 3D

Clicca per vedere rotazioe in 3D
Biotopo Laghestel 3D

 

FILE GPX

Per scaricare il file gpx del Biotopo di Lagostel di Pinè

cliccare su scarica

Punti di appoggio

 

Lungo il nostro itinerario essendo breve non troviamo nessun punto d'appoggio, ma se si vuole nei dintorni nelle varie località abbiamo una scelta varia di opzioni per mangiare e rilassarci, a noi la scelta.

 

 

Difficoltà

 

L'itinerario non è impegnativo anzi lo si consiglia alle famiglie con bambini piccoli, il tracciato è pianeggiante e non comporta alcuna difficoltà.

Attrezzatura

 

 

Il tracciato non comporta atrezzature particolari, si consiglia scarpe comode da trekking e zainetto con qualche provvista e una giacca antipioggia non si sa mai il tempo può cambiare improvvisamente.

Durata e difficoltà intinerari sono approssimativi in base alle proprie capacità fisiche

Dati scentifici raccolti da riviste e libri e dalla rete internet.