Veduta del laghetto dei Pieroni

ITINERARIO 111


Laghetto dei Pieroni sul Lagorai





LAGHETTO DEI PIERONI (di Cimon di Lasteolo) 2446 m.

46°13'00.21"N - 11°32'30.54"E

Catasto N° 235


Localizzazione    : Malga Lagorai - Cimon di Lasteolo - Catena del Lagorai

Bacino Idrografico : Rio delle Sute - Rio Lagorai - Torrente Avisio




Lunghezza          : 60 m.


Larghezza          : 30 m.


Profondità         : ?




Natura Geologica   : Porfidi Quarziferi

Origine            : Glaciale s.l.






Itinerario 




Nome                :   Giro del laghetto dei Pieroni

Quota altimetrica   :   Bassa 1380 m. - Alta 2480 m.

Lunghezza           :   15.2 km.

Dislivello          :   Salita 1090 m. - Discesa 1090 m.

Partenza e arrivo   :   Parcheggio al ponte Rio Lagorai dove inizia il sentiero 316

Sentieri            :   316 - 319 - 319A - Tracce

Difficoltà          :   EE

Tempo in movimento  :   6.25 h

Tempo totale        :   9.00 h

Periodo             :   09/07/2017


MAPPE

Mappa stradario laghetto dei Pieroni
Itinerario al laghetto dei Pieroni
Itinerario laghetto dei Pieroni dal satellite
Laghetto dei Pieroni dal satellite
Laghetto dei Pieroni topografico


COME ARRIVARE 


72 km da Trento


Da  Trento prendiamo la statale 12 del Brennero e la percorriamo in direzione Nord passando le località San Michele All'Agige, Salorno, e arriviamo a Ora (BZ) e qui giriamo a destra seguendo le indicazioni per la val di Fiemme e saliamo fino ad arrivare al Passo di San Lugano e dopo passiamo una galleria e  da qui entriamo nella valle di Fiemme. Scendiamo fino in fondo valle e passate due gallerie arriviamo ad una rotonda e seguiamo le indicazioni per Predazzo, continuiamo costeggiando il torrente Avisio ad un certo punto troviamo le indicazioni per il Cermis giriamo a destra e passiamo un  ponte e arriviamo al bivio per il Cermis, noi continuiamo diritti e poco dopo arriviamo alle prime case della località  Lago di Tesero. Qui troviamo sulla destra un Cartello Marrone che ci indica Lagorai giriamo e seguiamo la strada fino ad una stanga, qui la strada diventa forestale e sterrata e in certi punti molto ripida, qui si entra nel bosco e la si segue fino ad arrivare ad un bivio  diritti c'è il divieto forestale, noi giriamo a destra e passiamo  un ponte e subito dopo troviamo il parcheggio, qui parcheggiamo la nostra auto e da qui parte il nostro intinerario.




FOTO



Vedutadel del lago Lagorai
Veduta del lago Lagorai dall'Alto
Veduta della valle dei Pieroni
Veduta del laghetto dei Pieroni
Veduta del laghetto dei Pieroni
Veduta dall'alto del laghetto dei Pieroni
Veduta dall'alto del Laghetto dei Pieroni

Slide

Panoramica della cima Formion


Descrizione



Dal parcheggio attraversiamo il ponte sul rio Lagorai e i cartelli ci ondicano il sentiero 316 che porta al lago Lagorai. Seguiamo la strada forestale che sale in alcuni tratti molto ripida ed arriviamo ad una piana dove in lontananza si può ammirare la bellissima cascata del lago Lagorai. Qui continuiamo e la strada diventa di ciotolato costruita al tempo della Guerra e conservata ancora bene la pendenza aumenta e in alcuni tratti sembra di arrampicarsi , dopo tanta fatica si arriva alla vallata dove subito troviamo il lago Lagorai 1870 m. seguiamo la strada e percorriamo tutto il lago fino ad arrivare alla spianata dove arriviamo ad un bivio , noi giriamo a sinistra e seguiamo le indicazioni per il laghetto dei Pieroni. Passiamo il ponticello e poi arriviamo alla malga  Lagorai dove c'è anche un bivacco aperto tutto l'anno. Qui giriamo a sinistra e seguiamo il sentiero 319 che sale affianco al lago e poi su per un tratto boscoso per poi arrivare ad un bivio e qui giriamo a destra e seguiamo il sentiero 319A che porta al lago dei Pieroni, sqliamo decisamente ed ad un certo punto passiamo sotto una roccia sporgente da dove scende dell'acqua formando una cascatina , fare attenzione nel passare sul sentiero che è scivoloso. Si sale ancora a zig zag e poi si passa una zona erbosa fino ad arrivare all'inizio della valle dei Pieroni, qui ora l'ambiente diventa selvaggio con grandi massi e si passa sopra ad molti sassi causa di una frana, il sentiero è ben segnato da segnali rossi e bianchi e da ometti di sassi, si costeggia la cima Firmion e dopoa verla passata si sale su per l'ultimo tratto  tra sassi e rocce e poi si arriva al laghetto dei Pieroni  che è un bellissimo specchio d'acqua incastonato sotto  il Cimon di Lasteolo. Da qui se si vuole si può andare alla forcella dei Pieroni 5 minuti di camminata per ammirare la parte verso la cima d'Asta  e il passo di 5 Croci. noi poi dal laghetto siamo saliti su per una valletta erbosa  in direzione  nord e si arriva  ad una piccola piana sotto la cima dei Pieroni, da qui il panorama è meraviglioso e si può ammirare   la cima Firmion che sembra una piramide ed in lontananza il Catinaccio e il Sasso   Piatto e la Marmolada. Per il ritorno si scende giù a ritroso per il sentiero fino al lago Lagorai e poi giù ancora per la stradina forestale fino ad arrivare al parcheggio dove troviamo la nostra auto.

DETTAGLI




Mappa dettagliata e zoom dinamico  https://www.komoot.com/tour/19324611


Altimetria             

Clicca per ingrandire


VIDEO


FILE GPX

Per scaricare il file gpx del Laghetto dei Pieroni

cliccare su scarica

VIDEO 3D                                      Mappa 3D

Clicca per vedere rotazioe in 3D
Tracciato 3D  laghetto dei Pieroni

Punti di appoggio


Lungo il nostro itinerario troviamo la malga Lagorai con il bivacco Lagorai che è aperto tutto l'anno qui si può sostare per un riparo sicuro.


Bivacco a Malga Lagorai

Bivacco a Malga Lagorai


Difficoltà


L'itinerario è impegnativo sia per il dislivello  che per la lunghezza del sentiero, l'unico posto da fare attenzione è sopra il lago Lagorai dove c'è una cascatella e l'acqua cade proprio sul sentiero e rende i sassi molto scivolosi, stare molto attenti.


Attrezzatura



Scarponi,zaino, Bastoncini da trekking, borraccia,giacca antipioggia, occhiali da sole, copricapo, piccola dispensa alimentare e un piccolo prontosoccorso, ricordarsi di avere in macchina un cambio abbigliamento, in montagna il tempo può cambiare all'improvviso.

Durata e difficoltà intinerari sono approssimativi in base alle proprie capacità fisiche

Dati scentifici raccolti da riviste e libri e dalla rete internet.